Pubblicato in: libri

[Books] È un problema di Agatha Christie

Titolo originale: Crooked House

Autore: Agatha Christie

Prima edizione: 1949

Edizione italiana: traduzione di Rosalba Buccianti (Mondadori, 2016 )

Continua a leggere “[Books] È un problema di Agatha Christie”

Annunci
Pubblicato in: anime, movie

[Anime] Mazinga Z Infinity



Titolo originale: 劇場版 マジンガーZ / INFINITY (Gekijōban Majingā Zetto / Infinitī)
Genere: azione, mecha, fantascienza
Regia: Junji Shimizu
Soggetto: basato sui personaggi creati da Go Nagai
Sceneggiatura: Takahiro Ozawa
Character Design: Hiroya Iijima
Mechanichal Design: Takayuki Yanase
Musiche: Toshiyuki Watanabe
Anno: 2017
Studio: Toei Animation
Formato: Film d’animazione
Durata: 95′

Continua a leggere “[Anime] Mazinga Z Infinity”

Pubblicato in: blog, chiacchiere, libri

[Book tag] The Opposite Book Tag

Sempre grazie a MariaSte, un nuovo book tag!


Il primo libro della tua collezione / L’ultimo libro che hai comprato 
Il primo libro da me comprato? Beh, da piccola approfittavo delle visite mediche per costringere mia madre a fare un capatina in una libreria lì vicino, dove comprare delle versioni semplificate e con illustrazioni a colori di alcuni classici Disney (Gli Aristogatti, Red e Toby, nemici-amici, e simili).
Se parliamo di libri comprati con i miei risparmi, diventata un po’ più grandicella, ricordo che nel periodo estivo, subito prima di scendere in spiaggia, mi fermavo sempre in un edicola per comprare un giallo di Agatha Christie (dopo aver letto il primo, un po’ casualmente perché capitato in casa negli scambi tra mia madre e una sua amica, non ho più smesso). Ora, quale sia sta effettivamente il primo è difficile a dirsi, ma probabilmente non sbaglio se punto su Poiroit a Styles Court o L’assassinio di Roger Ackroyd.
Gli ultimi acquisti libreschi sono dello scorso fine settimana: approfittando di un’offerta (valida ancora fino al 2 novembre), ho acquistato alcuni eBook della Neri Pozza: La macchina fatale (attualmente in lettura), Il genio e il golem e Lo Stradivari perduto.


Un libro economico / Un libro caro
Negli anni ’90 c’erano le edizioni economiche della Newton (I Tascabili Economici Newton, a voler esser precisi): non so quanti classici ho letto al prezzo di 1000 lire! Dovendo scegliere un titolo, direi I racconti del terrore di Edgar Allan Poe per avermi avvicinato ad uno dei miei autori preferiti.
Per quanto riguarda i libri “cari”, dovrei anch’io citare testi acquistati durante l’Università (i libri di Anatomia, a cui aggiungere il celeberrimo Atlante di Anatomia Umana di Netter… un salasso!); se invece parliamo di libri acquistati per essere letti per puro diletto, ritorno di nuovo alla Christie: con il  Club degli Editori (siamo ancora una volta negli anni ’90), ho acquistato gran parte di una collana dalla copertina rigida con alcuni dei suoi romanzi più famosi (quindi, di nuovo, Poiroit a Styles CourtL’assassinio di Roger Ackroyd, Assassinio sull’Oriente Express): si trovano a prezzo ben più economico in edicola, ma all’epoca non seppi resistere a quei volumi molto più curati e rifiniti, con pagine spesse che era un piacere sfogliare!


Un libro con protagonista maschile / Un libro con protagonista femminile 
Sono un po’ banale, e spesso e volentieri cito i medesimi titoli: per “un libro con protagonista maschile” scelgo Martin Eden di Jack London, mentre per la controparte femminile, punto su una lettura piuttosto recente, Tutte le ragazze lo sanno di Winifred Wolfe con una protagonista che è la sorella maggiore di Bridget Jones nella New York di fine anni ’50.


Un libro che hai letto velocemente / Un libro che hai impiegato un sacco di tempo a concludere
Anche stavolta potrei citare la Christie e i libri che divoravo al ritmo di uno al giorno d’estate (continuavo a leggere anche di notte fino ad arrivare alla scoperta dell’assassino), ma per non essere troppo ripetitiva, preferisco menzionare la Saga dei Cazalet di Elizabeth Jane Howard: nonostante siano dei volumi piuttosto corposi, si leggono tutti d’un fiato. Al momento mi sono fermata al primo, Gli anni della leggerezza; la Fazi ha appena concluso la serie, ma proprio perché so che non ci saranno altri volumi dopo questi cinque, preferisco centellinare la lettura, e distanziarli nel tempo.
Un libro che invece ho dovuto riprendere più volte è stato Oliver Twist: la scintilla non scattava, e avrò letto i primi capitoli almeno tre volte prima di decidermi a portare avanti la lettura fino ad arrivare all’epilogo (ed è stato più per principio che per altro).


Un libro con copertina bellissima / Un libro con la copertina bruttissima 
Io sono per il “l’occhio vuole la sua parte”, quindi una copertina ha il suo peso nella scelta di un libro.
Come MariaSte sono stata tentata di prendere il Serpente dell’Essex proprio per la sua cover, ma alla fine ho desistito per le recensioni non proprio entusiaste (aspetto di sapere cosa ne pensa proprio Maria Stefania per decidere se vale o meno la pena comprarlo); tra gli acquisti, invece, dettati da copertina (e illustrazioni) Alice nel Paese delle Meraviglie nei Classici d-e-l-u-x-e della BUR.
Tra le copertine più brutte, quelle scelte da Astoria Edizioni, ad esempio per la serie di Agatha Raisin( ma la cosa vale un po’ per tutte le loro pubblicazioni).

P.S. Cara la mia MariaSte, concordo anche con il tuo giudizio sulle copertine della serie de L’amica geniale: ne ho sentito tanto parlare, ma ogni volta che vedo quelle cover in libreria ho un senso di repulsione, e mi tengo alla larga….


Un libro del tuo paese / Un libro internazionale 
I promessi sposi di Alessandro Manzoni, perché sono tra chi ritiene che ancora oggi vada letto; come libro internazionale, ho appena concluso Picnic ad Hanging Rock (con Il Re della neve di Kerry Greenwood credo sia l’unico libro di un’autrice australiana che abbia mai letto) e ritengo meriti la citazione perché il suo significato più recondito affonda le radici proprio nella terra che lo ha generato e che non potrebbe essere altra.


Un libro sottile / Un libro spesso 
Sottile, sottile è Il mio nemico mortale di Willa Cather, mentre supera le mille pagine Da qui all’eternità, ennesimo acquisto sull’onda degli sconti in libreria; non so ancor quando inizierò a leggerlo, ma credo che ci vorrà un po’.


Un romanzo / Un saggio 
Io leggo quasi unicamente romanzi (forse quel “quasi” può anche essere tolto…).
Se vogliamo puntare su un classico, quest’anno mi sono cimentata con Middlemarch di George Eliot.
Se acquisto un saggio, è proprio perché sono interessata ad approfondire l’argomento che tratta; lo scorso Natale mi sono fatta regalare Guida ai Super Robot di Japoco Nacci.
 


Un libro (troppo) romantico / Un libro d’azione 
Evito le storie (troppo) romantiche, a meno che non ci sia la giusta dose di umorismo.
Tra i libri letti quest’anno, ho trovato noiosissimo, proprio per l’eccessivo spazio riservato alle vicende sentimentali dei protagonisti, Il delitto di Abbey Court di Annie Haynes, che sconsiglio vivamente.
Come libri d’azione, da ragazzina (sempre a causa del Club degli Editori) ho letto diversi romanzi di Clive Cussler con protagonista Dirk Pitt (una sorta di via di mezzo tra Indiana Jones – per il mix di avventura e archeologia/leggenda – e James Bond – per il numero di donne che cadono ai suoi piedi); giusto per citarne uno, Tesoro.


Un libro che ti ha reso felice / Un libro che ti ha reso triste
Con P.G. Wodehouse rido sempre come una matta! Citando uno degli ultimi suoi libri letti (si parla però di alcuni anni fa), andiamo sul classico Grazie, Jeeves!
Se il metro di giudizio per “un libro che ti ha reso triste” devono essere le lacrime versate, sicuramente I ragazzi della via Pal: sarà che ero ancora una ragazzina, ma durante la lettura nei capitoli finali non ho proprio retto.

 

Pubblicato in: libri

[Books] La pallina assassina (I delitti di Falsterbo # 1) di Micke Hansen, Christina Olséni

Titolo originale: Badhytten: Det som göms i sand kommer fram ibland (Mord i Falsterbo #1)

Autore: Micke Hansen, Christina Olséni

Prima edizione: 2015

Edizione italiana: traduzione di Carmen Giorgetti Cima (Bompiani, 2017)

Continua a leggere “[Books] La pallina assassina (I delitti di Falsterbo # 1) di Micke Hansen, Christina Olséni”