[Books] La nona casa di Leigh Bardugo (Alex Stern #1)

9788804721871_0_0_1157_75

Titolo originale: Ninth House

Autore: Leigh Bardugo

Prima edizione: 2019

Edizione italiana: traduzione di (Mondadori, 2020)

Presentazione dell’editore: Galaxy “Alex” Stern è la matricola più atipica di tutta Yale. Cresciuta nei sobborghi di Los Angeles con una madre hippie, abbandona molto presto la scuola e, giovanissima, entra in un mondo fatto di fidanzati loschi e spacciatori, lavoretti senza futuro e di molto, molto peggio. A soli vent’anni, è l’unica superstite di un orribile e irrisolto omicidio multiplo. Ma è a questo punto che accade l’impensabile. Ancora costretta in un letto d’ospedale, le viene offerta una seconda possibilità: una borsa di studio a copertura totale per frequentare una delle università più prestigiose del mondo. Dov’è l’inganno? E perché proprio lei? Ancora alla ricerca di risposte, Alex arriva a New Haven con un compito ben preciso affidatole dai suoi misteriosi benefattori: monitorare le attività occulte delle società segrete che gravitano intorno a Yale. Le famose otto “tombe” senza finestre sono i luoghi dove si ritrovano ricchi e potenti, dai politici di alto rango ai grandi di Wall Street. E le loro attività occulte sono più sinistre e fuori dal comune di quanto qualunque mente, anche la più paranoica, possa immaginare. Fanno danni utilizzando la magia proibita. Resuscitano i morti. E, a volte, prendono di mira i vivi.

Si è fatta un po’ attendere, causa gli sconvolgimenti degli ultimi mesi, ma alla fine anche La Nona Casa di Leigh Bardugo è riuscita ad approdare nelle nostre librerie (digitali e non).

Noi siamo i pastori

Yale, una delle più prestigiose università USA e non solo.
La vita degli studenti dovrebbe trascorrere così come in qualunque altro college, tra lezioni, tesine da preparare e attività delle varie confraternite. Alcune associazioni studentesche, però, si dedicano a qualcosa che dovrebbe far sorridere i più, e che invece è quanto mai reale e potenzialmente pericoloso, la magia. È proprio attraverso antichi riti magici che nel corso degli anni i loro membri si sono assicurati potere, fama, ricchezza, ma non sempre tutto è andato per il vero giusto. Così, a vegliare sulle attività delle Case del Velo, e in particolare sulle Antiche Otto, c’è una Nona Casa, la Lethe.
Sul campo vengono inviati un Virgilio (dalla maggiore esperienza) e un Dante, una matricola in corso di addestramento, destinata a raggiungere dopo qualche anno il ruolo di mentore.
La più recente accoppiata vede Daniel Darlington, un perfetto gentiluomo d’altri tempi, nel ruolo di Virgilio, e Alex (diminutivo di Galaxy) Stern, una ex tossicodipendente, con alle spalle un passato difficile, come Dante.
Come è possibile che una ragazza che non è neanche riuscita a finire il liceo sia stata reclutata per entrare a Yale? Semplice, Alex ha il dono (o sarebbe meglio dire la condanna) di riuscire a vedere i morti, definiti dalla Lethe come i “Grigi”. Dato che spesso sono proprio i Grigi ad interferire durante i riti delle Antiche Otto, qualcuno che riesce a vederli senza dover ricorrere a pericolose droghe che a lungo andare debilitano l’organismo, è sicuramente una risorsa importante.
Alex, d’altro canto, ha voglia di cambiare vita, ed in fondo non ha ormai più nulla da perdere. O almeno è quello che crede.

Non sono un’esperta di urban fantasy (non sono neanche sicura che La Nona Casa possa rientrare in questo genere), eppure mi sono goduta la lettura dalla prima all’ultima pagina.
Il cuore del romanzo è un’indagine per omicidio (ci ritroviamo quindi in territori a me piuttosto noti), che si amplia pian piano sempre più, portando alla luce intricati interessi.
Gli elementi soprannaturali sono un qualcosa in più che non appesantisce il racconto, ma che permette di creare scene dal forte impatto.
Il tutto è sapientemente ben amalgamato, potendo poggiare su una trama molto ben congegnata. L’autrice riesce a destreggiarsi abilmente nonostante abbia scelto una narrazione non lineare degli eventi: vengono individuati tre comparti temporali principali (autunno, inverno, primavera, oltre a riferimenti al passato dei due personaggi principali) e si passa continuamente dall’uno all’altro senza seguire rigorosamente l’ordine cronologico, se non nelle battute finali.

Ottima la caratterizzazione dei personaggi, e ad emergere è, ovviamente, soprattutto Alex Stern dalle tante sfaccettature.
Si potrebbe pensare ad un personaggio alquanto stereotipato, eppure c’è una disarmante sincerità di fondo nella sua psicologia che annulla la sensazione di già visto.
Sicuramente è una figlia del MeToo, però nel senso migliore, ossia la sua vicenda non è un semplice pretesto narrativo, ma un’occasione di denuncia.
C’è rabbia, ma una rabbia che viene incanalata in qualcosa di positivo, che spinge a rialzarsi, ad andare avanti e a cercare di cambiare le cose.
Allo stesso tempo, però, Alex non è l’eroina tutta d’un pezzo che non ha bisogno di niente e di nessuno (ogni riferimento al Priorato è voluto), ma ha paura, e non nasconde neanche il fatto di desiderare qualcuno al suo fianco che la protegga. Tutto questo la rende verosimile e facilita l’identificazione.

In soldoni: un ottimo romanzo, che unisce thriller e soprannaturale, dalla trama solida e ben articolata, e con personaggi di cui non ci si stanca.

In trepidante attesa di un nuovo volume.

P.S. Le Nove Case

Skull and BonesPoveri e ricchi, tutti sono uguali nella morte.
Discipline: extispicina e antropomanzia. Divinazione con uso di viscere umane e animali.

Scroll and KeyAvere potere su questa terra scura per illuminarla, e potere su questo mondo morto per farlo vivere.
Discipline: duru dweomer, magia dei portali. Proiezioni astrali ed eteriche.

Book and SnakeTutto cambia, niente muore.
Discipline: Nekyia o nekromanteía. Necromanzia ed evocazione di scheletri.

Wolf’s HeadLa forza del branco è il lupo. La forza del lupo è il branco.
Discipline: teriantropia.

ManuscriptIl sogno ci consegna al sogno, e non c’è fine all’illusione.
Discipline: magia degli specchi e incantamenti.

Berzelius
Discipline: nessuna. Fondata nella tradizione di Jöns Jacob Berzelius, il chimico svedese da cui prende il nome, che ideò un nuovo sistema di notazione chimica che ha relegato nel passato la segretezza degli alchimisti.

St Elmo
Discipline: Ars tempestatis. Magia degli elementi, evocazione di tempeste.

Aurelian
Discipline: logomanzia. Vincoli verbali e divinazione attraverso la lingua.

Lethe MORS VINCIT OMNIA (o un più prosaico Mors Irrumat Omnia)

e 1/2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...