[Books] L’ impiccagione di Ann Ware e altre storie di Margaret Doody

9788804723516_0_0_1157_75

Autore: Margaret Doody

Edizione italiana: traduzione di Rosalia Coci (Mondadori – Collana: Il Giallo Mondadori, 2020)

Presentazione dell’editore:

Misteri apparentemente insolubili, atmosfere vittoriane, persino fantasmi… una raccolta da brivido

Nell’oscurità crescente, la carrozza nera parve confondersi con la notte. Ma io sapevo che si era solo fermata. Sul davanti, lontano da me, baluginava la luce di una sorta di lanterna oscurata. Poi vidi – e nitidamente – la figura grigia della nostra istruttrice, la signora Phillip, salire sulla carrozza. Qualcuno le porse una mano, e lei montò e si sedette all’interno. Poi la carrozza ripartì, veloce come in un sogno.

Una ragazza accusata di omicidio e in attesa di essere impiccata pubblicamente continua a dichiararsi innocente mentre uno scrittore, non convinto della sua colpevolezza, cerca di capire cosa è realmente accaduto. Una bella istitutrice che lavora in una villa appartenuta a un conte dalla pessima fama sparisce misteriosamente per ore e notti intere per poi far ritorno come nulla fosse. Una tranquilla giornata tra le vigne californiane si trasforma in un incubo per Sylvia e George via via che un uomo a cui hanno dato un passaggio racconta loro una vecchia, inquietante storia. L’immaginazione sconfinata e divertita di Margaret Doody dà prova di sé in questa breve raccolta di racconti dove l’occulto, la suspense e il mistero entrano con prepotenza nella vita quotidiana, a gettare un po’ di scompiglio, ma soprattutto allegria.

Conoscevo Margaret Doody solo di nome, grazie alla pubblicazione in Italia di diversi suoi romanzi con protagonista Aristole (si, proprio quell’aristotle) in veste di detective.
Personalmente sono un po’ scettica quando si parla di queste “rivisitazioni” di personaggi storici (o anche letterari) che vengono trasformati in qualcosa che non sono mai stati.
Proprio per questo ho preferito puntare su una raccolta di racconti, piuttosto che su un romanzo, per saggiare lo stile dell’autrice.
L’ impiccagione di Ann Ware e altre storie è pubblicato dalla Mondadori all’interno del Giallo Mondadori, ma devo dire che il “giallo” un po’ scarseggia, dato che a prevalere sono atmosfere soprannaturali con tanto di fantasmi!
L’inventiva c’è e i racconti sono gradevoli, ma a fine lettura non posso dire di essere rimasta soddisfatta proprio perché mi aspettavo qualcosa di diverso con degli enigmi da risolvere: il sapore poliziesco (mescolato o meno a quello soprannaturale) è presente solo ne L’impiccagione di Ann Ware e ne I passi del duellante; al massimo si può rintracciare un lieve retrogusto in Vetro veneziano o nel senso di inquietudine che accompagna Falchi in volo e profumo d’uva.

Più per gli amanti delle storie di fantasmi che non per i cultori della crime fiction.

                                           

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...