[Tv Series] A Discovery of Witches (I stagione) – Il Manoscritto delle streghe

81HlDOkUZXL._RI_

Titolo originale: A Discovery of Witches

Genere: soprannaturale, sentimentale

Creato da: Kate Brooke, Tom Farrelly, Charlene James, Sarah Dollard e basato su La Trilogia delle anime di Deborah Harkness

Anno: 2018

Stagioni: 1

Status: continua

Trasmissione in Italia: Sky Atlantic, 2010

Cast:
Matthew Goode … Matthew Clairmont
Teresa Palmer … Diana Bishop
Valarie Pettiford … Emily Mather
Malin Buska … Satu
Owen Teale … Peter Knox
Alex Kingston … Sarah Bishop
Trevor Eve … Gerbert D’Aurillac
Elarica Johnson … Juliette Durand
Lindsay Duncan … Ysabeau De Clermont
Sorcha Cusack … Marthe
Trystan Gravelle … Baldwin De Clermont

Per che seguire la prima stagione di una serie tratta da un libro che non mi ha convinto più di tanto? Beh, perché la curiosità vince sempre!

Non mi dilungherò su trama e personaggi perché fedeli a Il Libro della Vita, primo capitolo della Trilogia delle Anime. E proprio in virtù dell’aderenza al soggetto originale, A Discovery of Witches – Il manoscritto delle streghe presenta i medesimi difetti, e per quanto riguarda la caratterizzazione, e per la frequente richiesta di sospensione del giudizio.

Nonostante ciò, devo dire di aver comunque preferito la serie tv al libro, probabilmente perché corre via più facilmente: rispetto a pagine in cui mi sono trovata a sbuffare in attesa che accadesse qualcosa di interessante, le otto puntate della prima stagione risultano complessivamente più concise.
L’aver condensato le cinquecento e passa (se non ricordo male) pagine del romanzo paga lo scotto di non approfondire più tanto alcuni aspetti, come ad esempio, le relazioni tra i personaggi (il rapporto a tratti conflittuale tra Matthew e Marcus, ad esempio, giusto per citarne uno); c’è però un maggior dinamismo, a cui contribuiscono i frequenti cambi di scena (Oxford, la Francia, Venezia e Madison negli USA), anche se ammetto che a non tutti potrebbe piacere la rapidità con cui vengono liquidati alcuni eventi; forse è proprio nel confronto con la lentezza del libro che questa velocità può essere apprezzata.

Allo stesso modo, se l’interpretazione di Matthew Goode mi è sembrata piuttosto sopra le righe nei momenti in cui si voleva lasciar trasparire la parte ferina del vampiro, devo però confessare che l’attore non ha fatto altro che essere fedele al Matthew Clairmont così come descritto dalla Harkness, tanto che, vista sotto questa luce, la sua recitazione merita un plauso piuttosto che un biasimo.

Tirando le somme, dubito di continuare la serie cartacea perché troppo time consuming (preferisco dedicare il tempo che ho a disposizione per la lettura a qualcosa che ha più possibilità di piacermi, o da cui magari non mio aspetto troppo, ma che so non mi farà perdere più di tanto tempo – un thriller mordi e fuggi, ad esempio), ma potrei tranquillamente vedere le prossime stagioni giusto per scoprire come va a finire.

poster-780

GIUDIZIO POPCORN:

e  1/2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...