[Books] La confraternita degli storici curiosi (The Chronicles of St Mary’s #1) di Jodi Taylor

9788867006489_0_0_1157_75

Titolo originale: Just One Damned Thing After Another

Autore: Jodi Taylor

Prima edizione: 2013

Edizione italiana: traduzione di Elisabetta De Medio (Corbaccio – Collana: Narratori Corbaccio, 2020)

Presentazione dell’editore: Dietro la facciata apparentemente innocua dell’Istituto di ricerche storiche Saint Mary, si nasconde ben altro genere di lavoro accademico. Guai, però, a parlare di «viaggio nel tempo»: gli storici che lo compiono preferiscono dire che «studiano i maggiori accadimenti nell’epoca in cui sono avvenuti». E, quanto a loro, non pensate che siano solo dei tipi un po’ eccentrici: a ben vedere, se li si osserva mentre rimbalzano da un’epoca all’altra, li si potrebbe considerare involontarie calamite-attira-disastri. La prima cosa che imparerete sul lavoro che si svolge al Saint Mary è che al minimo passo falso la Storia vi si rivolterà contro, a volte in modo assai sgradevole. Con una vena di irresistibile ironia, la giovane e intraprendente storica Madeleine Maxwell racconta le caotiche avventure del Saint Mary e dei suoi protagonisti: il direttore Bairstow, il capo Leon Farrell, Markham e tanti altri ancora, che viaggiano nel tempo, salvano il Saint Mary (spesso – anzi sempre – per il rotto della cuffia) e affrontano una banda di pericolosi terroristi della Storia, il tutto senza trascurare mai l’ora del tè. Dalla Londra dell’Undicesimo secolo alla Prima guerra mondiale, dal Cretaceo alla distruzione della Biblioteca di Alessandria, una cosa è certa: ovunque vadano quelli del Saint Mary, scoppierà il finimondo.

Se, oltre a varie raccolte di racconti brevi, si è arrivati a quota 11 romanzi, The Chronicles of St Mary’s hanno senza dubbio un qualche appeal, grazie soprattutto all’irriverente protagonista, nonché voce narrante.

Chissà cosa ne sarebbe stato di Madeleine Maxwell se una delle sue insegnanti delle superiori non l’avesse spinta a dedicarsi allo studio della storia. Ora che Max, come tutti sono soliti chiamarla, è ormai laureata, quella stessa insegnate, la signora De Winters, le propone un colloquio all’Istituto di ricerche storiche Saint Mary. Al di là dell’eccentricità di alcuni personaggi (cosa poi non così sorprendente nell’ambiente accademico), la reticenza su alcuni particolari e attività non esattamente tipiche di un istituto per le ricerche storiche mettono la pulce nell’orecchio della nostra, che non ci mette molto a capire cosa si fa davvero al Saint Mary, ovvero viaggiare nel tempo. E cosa potrebbe desiderare di più uno storico se non essere davvero testimone degli eventi del passato?

L’idea di base è accattivante, e si ha da subito l’impressione che La Confraternita degli storici curiosi (a cui preferisco di gran lunga il titolo originale, Just One Damned Thing After Another, molto più in linea con il tono del romanzo) non sia altro che l’inizio di una lunga serie di avventure per Max e i suoi.
Peccato, però, che la trama abbia un che di sconclusionato: di cose ne accadono tantissime, ma tutto è troppo rapido; si arriva al dunque senza che il lettore abbia il tempo di “acclimatarsi” e, di conseguenza, di appassionarsi davvero alla storia. Troppo, tutto insieme, come una pallina impazzita che rimbalza da una parte all’altra.

Detto questo, e come già accennato in precedenza, la sfrontata protagonista non ci mette molto ad assicurarsi la simpatia del lettore, grazie ai suoi modi spicci e ben poco convenzionali, e probabilmente è questo il motivo della fortuna della serie.
Non bisogna lasciarsi ingannare dal tono scanzonato del romanzo, perché, insieme a fiumi di tè (non c’è praticamente un momento in qualcuno non senta l’esigenza di mettere un bollitore sul fuoco), scorrono anche fiumi di sangue (gli storici del Saint Mary, nonché il personale tecnico, pur avendo un nome, sono molto affini alle anonime magliette rosse di Star Trek).

In conclusione: una lettura leggera, leggera che forse darà il meglio di sé in futuro, sperando che, se continuerà nella pubblicazione, Corbaccio si limiti a tradurre i titoli originali, e riproponga le copertine dell’edizione inglese….

                                        e 1/2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...