[Books] Uno della famiglia di Christianna Brand (Inspector Cockrill #3)

22920399622

Titolo originale: Suddenly at His Residence

Autore: Christianna Brand

Prima edizione: 1946

Edizione italiana: traduzione di G. Montanari (Polillo, 2006)

Presentazione dell’editore: C’è una tradizione nella famiglia March: il giorno dell’anniversario della morte di Serafita, la prima moglie dell’anziano Sir Richard, i membri devono recarsi a Swanswater, la sua splendida dimora di campagna, per celebrare la ricorrenza. Così, anche se gli echi della guerra si avvicinano sempre più, in una luminosa giornata d’estate tutti i nipoti di Sir Richard si presentano all’appuntamento. Ci sono Peta, Philip, con la moglie Ellen e la figlioletta Antonia, e la deliziosa Claire, per la quale Philip, ricambiato, ha perso la testa. E c’è Edward, nipote anch’esso, ma del ramo di Bella, la seconda moglie di Sir Richard. Questa volta, però, l’atmosfera è meno serena del solito, e dopo un crescendo d’incomprensioni e di litigi per motivi banali l’anziano anfitrione decide di passare la notte da solo in una dépendance della villa. E lì, il mattino seguente, viene trovato morto, avvelenato. Chi è stato? Nessuno, pare, in quanto il piccolo edificio è circondato da un tappeto di rose e da una striscia di sabbia, entrambi rigorosamente intatti. Eppure è certo che non si tratta di suicidio né di incidente. Toccherà all’acuto e irascibile ispettore Cockrill svelare il mistero.

1944, estate: come ogni anno, la famiglia March si riunisce per commemorare l’anniversario della morte di Serafita, l’indimenticata prima moglie di sir Richard. L’antica tenuta di Swanswater è divenuta un vero e proprio mausoleo alla memoria della donna, un’ex ballerina creola, e l’attuale seconda moglie, Bella, volente o nolente, deve far buon viso a cattivo gioco. Incredibile come cambino le cose: da viva, Serafita era una vera e propria spina nel fianco di Sir Richard, che per tale motivo si sentiva autorizzato a trovare conforto tra le braccia dell’allora amante Bella; da morta, è oggetto di costante venerazione, tanto che non c’è oggetto in casa che possa essere spostato per non alterare l’ordine stabile dalla precedente lady. Per quanto consapevoli della stravaganza dell’atteggiamento del nonno, i nipoti Philip, Claire, Peta e Edward ne assecondano il volere, anche se non mancano di stuzzicarlo con i loro atteggiamenti spesso irriverenti. L’ultimo “affronto”è la liaison tra i cugini Philip e Claire, che però non scandalizza più di tanto Peta, destinata a ereditare tutto, in quanto figlia del primogenito di Sir Richard. Il nonno, stizzito, decide di diseredarli tutti e tre, nominando sua erede Bella; alla sua morte, tutto passerà ad Edward (piccolo memorandum per districarsi nel complicato intrigo familiare: Peta, Claire e Philip sono i figli dei figli che Richard ha avuto da Serafita; Edward è figlio della figlia illegittima di Richard e Bella). La minaccia non è presa sul serio da nessuno, dato che non è la prima volta che sir Richard cambia il proprio testamento, per poi tornare sui propri passi una volta sbollita la rabbia. Il lord è però anziano e malato, e c’è la possibilità che possa non vivere abbastanza a lungo da cambiare nuovamente le sue ultime volontà, soprattutto se qualcuno decide di metterci la zampino…

Un romanzo a dir poco “delizioso”, in cui è possibile rintracciare tutti gli elementi tipici del più classico dei gialli della golden age, con tanto di antica residenza di campagna e delicate situazioni familiari, a cui si aggiunge la capacità dell’autrice di delineare un ritratto familiare tanto assurdo quanto credibile, nonostante personaggi tanto sopra le righe. Pare che i March non riescano a prendere nulla sul serio, impegnati a prendersi in giro, punzecchiarsi, a difendersi o ad accusarsi l’un l’altro, ma è proprio questo il punto di forza del libro, insieme al tono ironico e beffardamente canzonatorio dell’autrice. Come il detective protagonista (che si limita a rimanere più che altro sullo sfondo) non ci resta che assistere a questa commedia umana, in cui non mancano elementi tragici, ma che sa catturare nella sua sofisticata leggerezza.

La bontà dello stile non deve far credere che l’intreccio crime sia comunque da sottovalutare, in quanto ci si trova di fronte al tipico enigma della camera chiusa, che come sempre viene risolto in maniera plausibile anche se un po’ tirata (ma in fondo ci piace così).

Christianna Brand (autrice anche della serie di Tata Matilda) è quindi a buon titolo ricordata tra i gradi dell’età d’oro del romanzo poliziesco anglosassone.

Piccola nota bibliografica: Uno della famiglia (terzo romanzo della serie dell’Ispettore Cockrill) è stato pubblicato prima in USA (nel 1946) con il titolo The Crooked Wreath (e serializzato sul Chicago Tribune come One of the Family), per poi approdare in UK come Suddenly at His Residence.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...