[Books] La ragazza nella torre (La notte dell’inverno Vol. 2) di Katherine Arden

9788834739730_0_0_0_75

Titolo originale: The Girl in the Tower

Autore: Katherine Arden

Prima edizione: 2017

Edizione italiana: traduzione di Maria Teresa De Feo (Fanucci, 2019)

Presentazione dell’editore: Orfana e sola, costretta ad abbandonare il suo villaggio, Vasja dovrà rassegnarsi a trascorrere la vita in un convento o a permettere alla sorella maggiore di darla in sposa a un principe moscovita. Entrambe le strade la condannano a una vita in una torre, tagliata fuori dal vasto mondo che invece desidera esplorare. Così sceglie una terza via: travestendosi da ragazzo cavalca attraverso il bosco per sfuggire a un destino che altri hanno scritto per lei. A Mosca, intanto, la corte imperiale è scossa da lotte di potere e tumulti. Nelle campagne alcuni banditi razziano i campi, bruciano i villaggi e rapiscono le fanciulle. Dopo essere partiti per sconfiggere i briganti, il Gran principe e i suoi boiardi si imbattono in un giovane uomo in groppa a un magnifico destriero. Solo Sasa, un monaco guerriero, capisce che il “ragazzo” altri non è che sua sorella, creduta morta dopo la fuga dal suo villaggio in seguito all’accusa di stregoneria. Ma quando Vasja dà prova del suo valore in battaglia, cavalcando con una destrezza eccezionale e con un’inspiegabile forza, Sasa realizza che dovrà a tutti i costi mantenere il segreto della sua vera identità, per salvare la vita dell’unica persona in grado di fronteggiare le forze oscure che minacciano di distruggere l’impero…

Se L’ orso e l’usignolo è stata una doverosa introduzione che si è presa tutto il tempo necessario per delineare personaggi ed ambientazione, ne La ragazza nelle Torre non c’è minimamente tempo per le divagazioni: l’azione è serrata, e tutto si svolge nell’arco di poche settimane.

Riprendiamo da dove ci eravamo lasciati nel precedente volume: Vasja ha abbandonato il villaggio natale ed è decisa a vedere il mondo, nonostante gli avvertimenti di Morozko, sui rischi che una ragazza come lei dovrà affrontare. Il destino farà sì che si riunisca ai fratelli maggiori, Saša e Ol’ga, ma i tre saranno travolti da eventi che rischiano di mettere in pericolo l’intera Rus’, e che inaspettatamente sono legati alla misteriosa figura della nonna Tamara, la fanciulla che anni prima rubò il cuore al Gran Principe di Mosca, ma che finì i suoi giorni rinchiusa in una torre.

Continua l’evoluzione del personaggio di Vasja, ottimo sotto tutti i punti di vista, esempio di caratterizzazione efficace di un personaggio femminile forte che non ha bisogno di strafare (vero Samantha Shannon?). Le sue vicende personali finiscono ancora una volta per essere il pretesto per affrontare il tema del ruolo della donna, che in una società rigida e patriarcale come quella russa, non va oltre quello di figlia, moglie e madre. Rigidamente difesa dall’aristocrazia, l’usanza di separare le donne dagli uomini, relegando le prime nel terem, almeno fino al matrimonio; anche dopo, però, le donne sono destinate a passare il loro tempo con le altre donne, limitando il più possibile i contatti con gli uomini e con l’esterno in generale. Una vita simile (che vita non è) non può che essere rifiutata da un carattere libero e indomito come quello di Vasja, anche a costo di doversi separare per sempre dalla sua famiglia. Non mancano neanche i momenti per lasciare libero sfogo alla fangirl che si nasconde in ogni lettrice, il che non è mai un male, se ben dosato e senza troppi giri a vuoto (vero, Christelle Dabos?)

Ovviamente (e non potrebbe essere altrimenti) la storia è arricchita dai tanti riferimenti al folklore russo, indissolubilmente legati ad una melanconica nostalgia per un mondo ormai perduto, che sente di star pian piano svanendo ma che non potrà far nulla per fermare il proprio declino.

Avvincente, coinvolgente, se non addirittura commovente e indubbiamente affascinante: una lettura perfetta per l’inverno, e se ancora non avete vi siete immersi nel mondo de La notte dell’Inverno, vi consiglio di non aspettare oltre.

 e 1/2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...