[Books] Gli scomparsi di Chiardiluna (L’Attraversaspecchi #2) di Christelle Dabos

Titolo originale: Les Disparus du Clairdelune

Autore: Christelle Dabos

Prima edizione: 2015

Edizione italiana: traduzione di Alberto Bracci Testasecca (Edizioni E/O – Collana: Dal Mondo , 2019)

Presentazione dell’editore: Sulla gelida arca del Polo, dove Ofelia è stata sbattuta dalle Decane perché sposi suo malgrado il nobile Thorn, il caldo è soffocante. Ma è soltanto una delle illusioni provocate dalla casta dominante dell’arca, i Miraggi, in grado di produrre giungle sospese in aria, mari sconfinati all’interno di palazzi e vestiti di farfalle svolazzanti. A Città-cielo, capitale del Polo, Ofelia viene presentata al sire Faruk, il gigantesco spirito di famiglia bianco come la neve e completamente privo di memoria, che spera nelle doti di lettrice di Ofelia per svelare i misteri contenuti nel Libro, un documento enigmatico che nei secoli ha causato la pazzia o la morte degli incauti che si sono cimentati a decifrarlo. Per Ofelia è l’inizio di una serie di avventure e disavventure in cui, con il solo aiuto di una guardia del corpo invisibile, dovrà difendersi dagli attacchi a tradimento dei decaduti e dalle trappole mortali dei Miraggi. È la prima a stupirsi quando si rende conto che sta rischiando la pelle e investendo tutte le sue energie nell’indagine solo per amore di Thorn, l’uomo che credeva di odiare più di chiunque al mondo. Sennonché Thorn è scomparso…

Ofelia è ormai giunta a corte e non tarda ad attirare l’attenzione di Farouk, anche se in effetti è piuttosto difficile capire se il gigantesco, nonché smemorato Spirito di Famiglia sia davvero interessato a qualcosa. L’unica certezza è la sua ossessione per il Libro, il vero motivo che ha spinto Thorn ad organizzare il matrimonio con l’Animista. Una volta divenuti marito e moglie, la cerimonia del Dono permetterà la condivisione delle abilità dei due coniugi, e l’intendente è più che sicuro di riuscire laddove molti hanno fallito. Per Thorn, Ofelia non è che un paio di mani. O per lo meno è quello di cui la ragazza è convinta. La giovane, però, non ha molto tempo per soffermarsi sulla cosa, e lo stesso rancore che si è impossessato di lei una volta scoperta la verità pian piano scema. Succedono strane cose a Chiarodiluna, e alcuni aristocratici scompaiono in quello che dovrebbe essere il posto più sicuro di Polo. L’unico collegamento tra le scomparse sono delle misteriose lettere minatorie. Ultimamente anche Ofelia sta ricevendo delle minacce: le viene intimato di non sposare Thorn e di tornare su Anima, perché è questo che “Dio” vuole. Che sia lei il prossimo bersaglio? Come se non bastasse, la sua famiglia sta arrivando su Polo per il matrimonio, il che potrebbe metterli in grande pericolo…

Il giudizio è piuttosto unanime, e chi scrive non può che essere d’accordo: Gli scomparsi di Chiarodiluna è un deciso passo avanti (e in meglio) rispetto a Fidanzati dell’Inverno.

Il ritmo è serrato, e  le oltre 500 pagine scorrono via senza accorgersene. Non c’è un solo momento morto, e persino lo spazio riservato al world building (che normalmente rischierebbe di annoiare chi non è avvezzo al fantasy) è sapientemente dosato, non appesantendo mai la lettura.

Questo secondo capitolo si tinge di giallo, con Ofelia invischiata nell’indagine sulle scomparse a Chiarodiluna, e non solo perché possibile nuova vittima: è Farouk stesso a darle l’incarico, e la sua è una corsa contro il tempo. Scoprire l’identità del colpevole è piuttosto facile, ma l’azione è così incalzante che si può anche chiudere un occhio.

Anche alcune ingenuità nella delineazione dei personaggi sono state superate, almeno nel caso di Ofelia. Più decisa, più realistica, non si perde in inutili scaramuccia amorose, che nel caso suo e di Thorn si sono sempre palesate sotto forma di frecciatine, silenzi e fraintendimenti; non che manchino del tutto, ma i due raggiungono presto un compromesso che facilita tanto loro quanto il lettore. È su Thorn che ancora c’è da lavorare, e non per la sua algida rigidità: la Dabos “finge” di presentarcelo sotto una luce negativa, o meglio dà voce ad un’Ofelia che si aspetta sempre il peggio da lui, ma né il lettore né la nostra eroina (per quanto le dolga ammetterlo) si fanno ingannare; Thorn è un Principe Azzurro fatto e finito, non importa quanto sia allampanato o quanto si debba piegare ogni volta che parla con la lettrice. Non sarebbe male avere un protagonista maschile un po’ più concreto e un po’ meno idealizzato. Una volta superato lo scoglio dell’accettare di amare e di essere amati, si spera che la cosa sarà più facile. Le stesse scene “romantiche” sono piuttosto da manuale: lui che arriva sempre quando lei ne ha più bisogno, la frase ad effetto lanciata lì, il bacio rubato (con tanto di schiaffo in risposta),  la crisi di Ofelia coma Attraversaspecchi, il salvataggio in extremis e la violenza usata contro chi ha ferito l’amata, l’abbraccio e il pianto liberatori, eccetera eccetera. Ha tutto un sapore d’altri tempi, però alla fine sono gli evergreen e, soprattutto, sono molto efficaci.

Come lecito aspettarsi da un secondo volume, alcune tessere del puzzle vanno al loro posto e si comincia ad avere una certa visione d’insieme, ma c’è ancora molto da scoprire. Non uno, ma ben tre colpi di scena infilati l’uno dietro l’altro nel finale, lasciano sperare.

Che dire? Non ho studiato francese, e non mi resta che attendere l’uscita italiana de La memoria di Babele, e sperare che non sia un’attesa troppo lunga…

P.S. Su Goodreads ho assegnato cinque stelle: Fidanzati dell’Inverno si era guadagnato 4 stelline e mi sembrava corretto aumentare il punteggio di questo secondo volume perché è sicuramente una spanna sopra il precedente; non è il libro perfetto (almeno per i miei gusti), e su una scala da 1 a 10 credo che un bell’otto e mezzo sia più che appropriato, anche se probabilmente sono di manica larga sulla spinta dell’entusiasmo.

e 1/2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...