[Books] Morte nella neve di Joseph Jefferson Farjeon

Titolo originale: Mystery in White

Autore: Joseph Jefferson Farjeon

Prima edizione: 1937

Edizione italiana: traduzione di F. Zaniboni (Edizioni Lindau – Collana Crimini e Misteri, 2018)

Presentazione dell’editore: La vigilia di Natale, una tempesta di neve blocca un treno nella campagna inglese. Mr. Maltby, un anziano signore poco loquace e alquanto misterioso, afferra il suo bagaglio e si dilegua nella fitta nevicata, inseguendo, così è sembrato ad alcuni passeggeri, un’indistinta macchia biancastra apparsa all’improvviso oltre iil finestrino. Nell’incertezza della situazione, tra le deboli rassicurazioni del controllore e la crescente frustrazione per l’attesa che si prolunga, altre quattro persone decidono di abbandonare il convoglio e di raggiungere a piedi la vicina stazione di Hemmersby. Dopo molto girovagare, tra campi innevati, insidiosi fossati e false piste, ormai allo stremo delle forze e delle speranze, i quattro personaggi si imbattono in una grande casa isolata e all’apparenza disabitata, nonostante il camino sia acceso e la tavola sia imbandita per il tè. Ma i nuovi arrivati non fanno in tempo ad ambientarsi che ecco giungere a Valley House Mr. Maltby assieme a uno strano figuro di nome Smith, il quale ha tutta l’aria di essere un avanzo di galera… Inizia così Morte nella neve, un giallo dalle atmosfere sinistre, ricco di colpi di scena e di rivelazioni repentine. Fra ritratti che sembrano animarsi, urla nella notte, lettere misteriose, porte cigolanti, cadaveri nella neve e assassini armati di coltello e martello… Un lungo brivido corre tra le pagine di questo classico della Golden Age della detective fiction inglese.

Vigilia di Natale. Sei sconosciuti bloccati su un treno a causa di una nevicata che sembra non finire mai. Uno di loro, un anziano piuttosto eccentrico, scende improvvisamente dal treno, per seguire una figura che si allontana tra la neve. Altri quattro, due giovani uomini e due ragazze, decidono di seguirlo, preoccupati per quanto potrebbe essergli accaduto e speranzosi di riuscire a raggiungere a piedi la stazione più vicina. Il maltempo, però, impedisce loro di proseguire, ed è una vera fortuna riuscire a trovare una casa, per di più non chiusa a chiave, con tanto di camini accesi e cibo. Tutto sembra preparato per accogliere degli ospiti, ma a quanto pare non c’è nessun altro…

Una trama più intricata di quello che potrebbe apparire di primo acchito, con più atti criminali che si intersecano l’uno con l’altro e persino un tocco di soprannaturale dati gli interessi dell’investigatore amatoriale coinvolto, Edward Maltby.

Questa “ricchezza” è un pregio ma allo stesso tempo c’è un effetto “troppa carne al fuoco”.

Ad ogni modo, un ottimo classico del giallo per i cultori del genere, da leggere rigorosamente a Natale!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...