[Books] Sharp Objects di Gillian Flynn

 

Titolo originale: Sharp Objects

Autore: Gillian Flynn

Prima edizione: 2006

Edizione italiana: traduzione di B. Murgia (Rizzoli, 2018)

 

Presentazione dell’editore: Otto anni dopo essere andata via da Wind Gap, la cittadina soffocante in cui è nata e cresciuta, Camille Preaker lascia Chicago per tornare in quel minuscolo avamposto cattolico del Missouri battista, luogo sperso nel nulla, dove la gente si illude di sapere come stare al mondo. È il giornale per cui lavora a spedirla laggiù, in seguito alla scomparsa della piccola Natalie Keene. Caso che somiglia a quello di un’altra bambina svanita nel nulla poco tempo prima, ricomparsa il giorno dopo nel letto di un torrente, strangolata. Aveva solo nove anni.Anche il cadavere di Natalie viene rinvenuto ben presto e la comunità di Wind Gap deve arrendersi all’evidenza: la mano che si è abbattuta con brutale meticolosità sulle due bambine è la stessa. A rivelarlo è un unico, macabro dettaglio. Con caparbietà, Camille porta avanti la propria indagine sfidando le rigide norme sociali di una cittadina bigotta e pettegola, ma soprattutto è costretta ad affrontare la madre, una donna fredda e manipolatrice, ammirata dai vicini e temuta dentro casa, da cui era fuggita ancora ragazza. L’inchiesta si gonfia come un fiume in piena e Camille non è più in grado di tenere a freno i ricordi e il male che contengono. Sofisticato thriller psicologico dal ritmo pulsante, il romanzo di Gillian Flynn indaga i risvolti oscuri delle relazioni tra sorelle, madri e figlie e mette in scena una figura femminile che attraversa l’inferno con occhi nuovi, sorprendente protagonista – così il Guardian – di “un viaggio indimenticabile, gelido e illuminante”.

Una cronista di nera di Chicago, Camille Preaker, viene incaricata di indagare sulla scomparsa di due ragazzine nella sua piccola città natale nel Missouri. Il corpo senza vita della prima è stato ritrovato qualche giorno dopo la sparizione; per la seconda si teme un destino simile. A turbare Camille, però, non è solo l’indagine su un crimine efferato; tornare a casa significa anche dover affrontare sua madre, l’algida Adora, con cui ha sempre avuto un rapporto conflittuale, e i fantasmi di un passato mai superato, di cui porta i segni sul corpo e nello spirito. Forse sarebbe più corretto parlare di “un” fantasma, ossia il ricordo di sua sorella Marian, da sempre malata e morta ancora bambina. Nessuno pare aver superato quel lutto: non Adora, che non perde occasione per manifestare pubblicamente il proprio dolore, in modi sì teatrali, ma sempre e comunque composti ed eleganti; non Camille, nonostante il cinismo che pare contraddistinguerla. E poi c’è Amma, la sorellastra di Camille. È bella, ricca, tanto sfrontata e ammiccante quanto indisponente e prevaricatrice: una vera e proprio ape regina nel suo piccolo mondo; in casa si trasforma nell’ubbidiente bambola di sua madre, e significativo che il suo gioco preferito sia occuparsi di una casa di bambole che riproduce fedelmente in ogni minimo particolare la raffinata e lussuosa dimora di Adora. Alterna momenti in cui si mostra più che precoce ad altri in cui appare molto immatura per la sua età, indubbiamente infantile, soffrendo per il continuo e impossibile confronto con la defunta Marian.

Camille pensava di essersi lasciata la piccola e pettegola Wind Gap alle spalle, lontana dalle convenzioni e dai tanti stereotipi, soprattutto circa il ruolo della donna, ma forse c’è qualcosa di più intimo e personale su cui dover far luce, e non solo la morte di due ragazzine.

Che Gillian Flynn sappia muoversi con maestria nei territori del thriller è più che appurato, e ancora una volta ci regala ritratti femminili inconsueti e decisamente anticonvenzionali: Camille, Adora, Amma, e persino Marian sullo sfondo, hanno una precisa caratterizzazione psicologica. Camille vorrebbe solo amare e essere amata da quella madre scostante che non è mai riuscita a piegarla al proprio volere; Adora vive in un mondo tutto suo, fuori dal tempo, e la sua stessa vita non è altro che una pretenziosa messa in scena, che ha lei, esclusivamente lei, come unica protagonista; Amma condivide il desiderio di amore di Camille, ma è anche molto simile ad Adora, non accettando di poter essere messa da parte, pronta a guadagnarsi il centro dell’attenzione con qualsiasi mezzo.

Soffermandosi sulla trama investigativa vera e propria, bisogna ammettere che alcuni sviluppi sono intuibili, ma l’autrice riesce comunque a regalarci un buon colpo di scena finale: inganna il lettore, facendogli credere che ormai tutto sia venuto a galla, ma in realtà ha ancora in serbo un inaspettato asso nella manica…

In conclusione, un ottimo thriller, magari da recuperare sulla scia dell’omonimo adattamento HBO.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...