[Books] Come in uno specchio di Helen McCloy

 
Titolo originale: Through a Glass, Darkly

Autore: Helen McCloy

Prima edizione: 1950

Edizione italiana: traduzione di Marilena Caselli (Polillo, 2006)

 

Presentazione dell’editore: Perché la giovane e mite Faustina Crayle viene allontanata di colpo, e senza apparenti ragioni, dalla scuola per ragazze dove insegna? Come mai la preside, la signora Lightfoot, si rifiuta ostinatamente di motivare la sua decisione? E qual è la ragione per cui il corpo docente, le studentesse, persino gli inservienti sono pronti a giurare che Faustina “appare in luoghi dove non potrebbe essere”? Su richiesta della fidanzata, collega e amica di Faustina, il dottor Basil Willing accetta di fare luce su quella strana storia. Willing, un medico psichiatra che per le sue competenze scientifiche collabora spesso con il procuratore distrettuale di Manhattan, conosce bene questo fenomeno: è il cosiddetto “doppelgänger”, il doppio di una persona che si materializza e vive una sua vita autonoma. Ma ovviamente siamo nel campo dell’irrazionale, del soprannaturale, tanto più che, secondo una leggenda popolare, l’apparizione del doppio è foriera di morte e di sventura. Eppure, contro ogni logica, la leggenda pare avverarsi quando si verificano alcune morti inspiegabili. La soluzione, nella migliore tradizione del genere, sarà però del tutto logica: niente spiriti o fantasmi, solo un astuto (uomo o donna che sia) assassino.

“Quelli che non possono colpire i propri nemici nella realtà, colpiscono i fantasmi dei loro nemici nella sicurezza e libertà della propria mente”.

L’unire il “giallo” con l’elemento sovrannaturale non è poi una novità: non l’hanno già fatto forse anche Conan Doyle (Il mastino dei Baskerville) o Carr?

In Come in uno specchio, però, Helen McCloy decide volontariamente di lasciare in sospeso la soluzione finale, o meglio, viene fornita una spiegazione razionale, ma mancano delle prove definitive che possano inchiodare con certezza il “colpevole”. È come se al lettore venisse lasciata la possibilità di scegliere tra l’interpretazione sensata di Basil Willing, psichiatra-investigatore, e una (plausibile per alcuni) chiamata in causa per il sovrannaturale.

Certo, lo stratagemma usato dall’”assassino” è piuttosto inconsueto, e sicuramente deve aver avuto dalla sua una buona dose di fortuna; forse anche questo contribuisce ad un senso di insoddisfazione giunti alla fine del libro, per lo meno per chi predilige una ricostruzione inattaccabile degli eventi, piuttosto che una serie di (s)fortunate coincidenze.

D’altra parte, il richiamo al tema del “doppio” nelle sue radici culturali e antropologiche, come pure nella tradizione folkloristica, è sicuramente affascinante.

Peccato che un po’ troppi personaggi del romanzo dimostrino di essere fin troppo ferrati sull’argomento, oltre che darsi spesso e volentieri ad approfondite interpretazioni psicologiche, quasi che Basil non fosse l’unico specialista in psichiatria…

La prosa è molto piacevole, e il libro si legge tutto d’un fiato.

Non male anche alcune riflessioni, sicuramente ancora attuali…

“Dove non c’è proprietà non c’è matrimonio, e dove non c’è matrimonio non c’è vizio.”

 

“Le chiamate hostess o modelle e ve le sposate senza pensarci su due volte. Il vostro unico termine di biasimo, “sgualdrina”, di solito è preceduto dall’aggettivo “lurida” e lo riferite solo alle donnacce di strada, malandate e senza soldi. La vostra generazione tollera qualsiasi cedimento morale, ma non sa perdonare il fallimento economico.”

In conclusione, un mystery con elementi che lo contraddistinguono all’interno della vasta concorrenza, ben scritto, con riferimenti e suggestioni piuttosto interessanti, che potrebbe però non soddisfare del tutto i puristi del ragionamento critico.

Né io né lei sapremo mai l’intera verità riguardo a questa faccenda. È tutto un mistero. E un piccolo enigma in più non può aggiungere o to­gliere molto.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...