[Books] Assassinio à la carte. La cuoca Katharina e la mafia turca di Brigitte Glaser

Titolo originale: Mordstafel

Autore: Brigitte Glaser

Prima edizione: 2005

Edizione italiana: traduzione di A. Petrelli (Emons Edizioni, 2017)

Presentazione dell’editore: A Colonia, nel vivace quartiere turco di Mülheim, la cuoca Katharina ha aperto il suo primo ristorante. Il Giglio Bianco ha un lungo tavolo dove tutti i commensali mangiano assieme, incrociando brindisi, sguardi e, si spera, nuovi amori. Per raggiungerlo bisogna percorrere la Keupstrasse, tra i vivaci colori delle spezie e la ferramenta del signor Özal che offre sempre il tè ai suoi clienti. Ma gli affari non vanno bene. Persino il carnevale sembra grigio quest’anno, e la cattedrale più minacciosa. Quando davanti all’ingresso del Giglio Bianco viene trovato il cadavere di un uomo mascherato da cannibale, le cose precipitano. A quanto pare, cercava di entrare nel suo locale. Questa volta però, oltre alla sua amica Adela, Katharina avrà dalla sua anche uno spassoso trio di ex poliziotti in pensione, che conoscono il quartiere turco e le sue storie come le proprie tasche. E del bel tenebroso Tyfun, ci si potrà fidare? Il terzo caso della cuoca Katharina Schweitzer.
Quando si parla di “giallo”, si pensa tipicamente alla narrativa poliziesca anglosassone, ma non sono solo il Regno Unito e gli Stati Uniti ad aver dato i natali a celebri giallisti.
La crime fiction rimane ancor oggi uno dei generi più di successo, molto diffuso e di facile consumo, e non c’è Paese che non abbia la sua tradizione. Poteva, quindi, mancare la Germania?


Brigitte Glaser crea il personaggio di Katharina Schweitze, cuoca e detective-suo-malgrado già nel 2001; in Italia, la Emons, nella collana Gialli Tedeschi, ha pubblicato tre sue avventure, dall’esordio (Delitto al pepe rosa) a Morte sotto spirito; Assassinio à la carte è il secondo volume della serie.


Katharina Schweitze sembra aver finalmente coronato il suo sogno: ha finalmente un locale tutto suo, il Giglio Bianco, a Colonia, nel bel mezzo del quartiere turco.
Certo, il lavoro è duro e gli incassi sono ancora piuttosto scarsi, ma l’indipendenza guadagnata è sicuramente un forte incentivo.
Tra conti da far tornare e menù da preparare, l’ultima cosa che Katharina avrebbe desiderato è ritrovarsi con un cadavere di fronte alla porta del locale la notte di Carnevale; i veri problemi, però, sono iniziati qualche giorno prima, e tutto a causa di una busta dimenticata al Giglio Bianco….


Assassinio à la carte non è il tipico romanzo poliziesco in cui il detective dilettante di turno “incappa” in un delitto e smaschera il colpevole; è piuttosto il racconto delle difficoltà nel portare avanti il proprio sogno, tra problemi economici, tentativi di estorsione, tentazioni (amorose e non) e dilemmi morali; l’omicidio è solo un’ulteriore gatta da pelare.
Katharina indaga e risolve il mistero solo perché ne va del suo poter continuare a mandare avanti il Giglio Bianco; sceglie anche cosa fare e non far sapere alla polizia.
Non aspettatevi, quindi, un giallo d’impostazione classica (non ci sono camere chiuse né chissà quali enigmi da svelare); c’è solo la quotidianità di una donna forte e combattiva che non si lascia sopraffare tanto facilmente. 
Una lettura che potrebbe non soddisfare del tutto chi è alla ricerca di qualcosa che metta in moto le sue celluline grigie, ma non per questo da buttare via.
Sicuramente soddisfatti gli amanti della buona cucina: il volume è, infatti, completato dalle ricette che Katharina effettivamente prepara nel suo ristorante.
Buona lettura (e buon appettito!).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...