Pubblicato in: anime

[Manga & Anime] Focus on Getter Robot di Ken Ishikawa e Go Nagai

Nel periodo d’oro del robotico televisivo, inaugurato nel 1972 da Mazinger Z, Getter Robot del 1974 si distingue per l’introduzione di uno degli elementi che farà la fortuna del genere, ossia la “componibilità”: non più un solo robot, bensì tre, nati dalle diverse possibili combinazioni dei veicoli base, ciascuno con un suo pilota.

 

Dopo il Getter, infatti, ci sarà un fiorire di “gattai” (“combinazione” o “fusione” che dir si voglia), con lunghe e più o meno articolate sequenze di agganciamento per la gioia dei giovani fan e dei produttori di giocattoli.
Per lo più, si tratterà di unioni di parti, prima indipendenti, in un unico robot, molto più forte dei suoi singoli elementi, da dispiegare in battaglia quando le forze nemiche si fanno soverchianti; in Getter Robot, invece, abbiamo tre veri e propri diversi assetti, ciascuno con uno dei piloti che prende il comando; il risultato finale, per alcuni versi, ricorda la personalità, il ruolo e persino la fisicità del pilota (basti pensare alla forma slanciata del Getter 2 di Hayato o al tozzo Getter 3 di Musashi).
E proprio la caratterizzazione psicologica dei protagonisti, almeno sul fronte anime, è uno degli aspetti seminali del Getter Robot: abbiamo, infatti, Ryoma Nagare con il ruolo di leader (al suo Getter 1 il compito di finire l’avversario il più delle volte), bello, forte e coraggioso; Hayato Jin come lupo solitario, tenebroso quanto basta, spesso in conflitto con Ryoma, a cui è legato da un rapporto ambivalente di amicizia e rivalità, ed infine Musashi Tomoe, solare, un po’ impacciato, ma sempre di gran cuore, frequentemente il relief comico della situazione.
Sul fronte manga, il discorso è diverso: se nel caso di Musashi c’è una certo parallelismo, Ryoma e Hayato sono più in linea con il tipico personaggio nagaiano che ha molto dell’antieroe, piuttosto che dell’eroe: propensi alla violenza, che in Hayato si esplica anche in atti di terrorismo, sono degli esempi ambulanti di disturbo antisociale della personalità; eppure, è proprio il loro temperamento che li rende adatti a pilotare il Getter e che farà di loro dei paladini dell’umanità.
Getter Robot segna l’inizio di una vera e propria saga, sia su carta sia in video; le declinazioni del soggetto, però, differiscono molto le une dalle altre a seconda del medium che le ospita, soprattutto nei primi anni, anche se sviluppate in contemporanea, sebbene ci siano ovviamente dei punti di contatto.
In generale, le atmosfere del manga di Ishikawa sono molto più oscure e violente, mentre le serie animate deli ann’70 sono dirette ad un pubblico infantile, per cui più edulcorate; ciononostante, il finale del primo Getter Robot si mantiene in linea con la controparte cartacea, adottando quindi una soluzione poco abituale in un prodotto per giovanissimi.
La Gettersaga è figlia essenzialmente di Ken Ishikawa, nonostante i diritti dell’opera siano condivisi con Go Nagai: nei racconti dei retroscena della nascita delle varie serie, infatti, emerge un Nagai che principalmente si limita a fornire degli spunti o delle soluzioni che poi prenderanno effettivamente corpo grazie al lavoro del suo assistente.
Un esempio su tutti riguarda la celebre gattai: mentre Ishikawa è perplesso per la poca plausibilità di tre veicoli che riescono a incastrarsi l’uno nell’altro dando vita alle forme finali dei robot, Nagai è molto più pragmatico: non importa che la cosa sia fattibile o meno nella realtà; ciò che conta è che sia spettacolare. Il successo dell’anime gli dà ragione.
Per quanto riguarda la versione manga, Ishikawa avrà modo nel corso degli anni di approfondire alcuni concetti, ampliando sempre più gli orizzonti dell’Universo del Getter, sia nello spazio sia nel tempo, e lasciando emergere quasi una origine mistica per i famigerati Raggi Getter, a volte visti come una risorsa a volte come una minaccia, e collegandoli all’idea stessa di Evoluzione, l’altra tematica sempre più dominante serie dopo serie.
In confronto, gli anime sono piuttosto tradizionali, rifacendosi pienamente ai canoni di un’epoca in cui è lo schema del tokusatsu a farla da padrone; si dovrà aspettare il 1999 con Change!! Shin Getter Robot – The Last Day per una versione più adulta e in linea con lo spirito del manga.
A seguire, un rapido excursus sulle principali incarnazioni del Getter, sia sul fronte cartaceo che su quello animato:

I Manga

Titolo originale:ゲッターロボ Gettā Robo

Genere: mecha, fantascienza, azione

Tipologia: shōnen

Storia: Go Nagai e Ken Ishikawa

Disegni: Ken Ishikawa

Prima serializzazione: Weekly Shōnen Sunday, 7 aprile 1974 – 18 maggio 1975

Casa editrice: Shogakukan

Status: concluso

Disponibilità italiana: J-POP, 2 volumi

Il mondo è minacciato dal temibile Impero dei Dinosauri, che dopo anni di letargo ha deciso di riconquistare la superficie. Contro di loro, il Getter Robot, costruito dal Professor Saotome, e pilotato da Ryoma Nagare, Hayato Jin e Musashi Tomoe.

Storia: ♥♥♥♥

Disegni: ♥♥♥♥

Edizione: ♥♥♥

Voto complessivo: ♥♥♥♥





Titolo originale: ゲッターロボG Gettā Robo G

Genere: mecha, fantascienza, azione

Tipologia: shōnen

Storia: Go Nagai e Ken Ishikawa

Disegni: Ken Ishikawa

Prima serializzazione: Weekly Shōnen Sunday, 25 maggio – agosto 1975

Casa editrice: Shogakukan

Status: concluso

Disponibilità italiana: J-POP, 1 volume

Sconfitto a carissimo prezzo il popolo dei Dinosauri, la squadra Getter, nella sua rinnovata  formazione con Benkei Kuruma, deve affrontare una nuova minaccia, l’Impero dei Cento Oni.  
Dalla loro, un robot componibile ancor più potente del precedente, il Getter Robot G!

Storia: ♥♥♥♥

Disegni: ♥♥♥♥

Edizione: ♥♥♥

Voto complessivo: ♥♥♥♥





Titolo originale: ゲッターロボ號 Gettā Robo Gō

Genere: mecha, fantascienza, azione

Tipologia: shōnen

Storia: Go Nagai e Ken Ishikawa

Disegni: Ken Ishikawa

Prima serializzazione: Shōnen Captain, 1991

Casa editrice: Tokuma Shoten

Status: concluso

Disponibilità italiana: J-POP, 3 volumi

Sono ormai passati diversi anni e la precedente squadra Getter si è smembrata da tempo. 

Hayato, che ha assunto su di sé quello che una volta era il ruolo del Professor Saotome, deve selezionare un nuovo team per contrastare le ambizioni di conquista del mondo del dottor Lando con le sue Metal Beast. Riusciranno Go Ichimonji, Sho Tachibana e Gai Masamichi ad essere all’altezza del compito?

Storia:♥♥♥♥

Disegni:♥♥♥♥

Edizione:♥♥♥

Voto complessivo:♥♥♥♥





Titolo originale: 真ゲッターロボ Shin Getter Robot

Genere: mecha, fantascienza, azione

Tipologia: seinen

Storia: Go Nagai e Ken Ishikawa

Disegni: Ken Ishikawa

Prima serializzazione: Manga Action, 1997

Casa editrice: Futabasha

Status: concluso

Disponibilità italiana: J-POP, 1 volume

Al laboratorio Saotome lo studio dei Raggi Getter procede come sempre, e l’ultimo robot realizzato è l’incredibile Shin Getter Robot. 

Una minaccia, in grado di viaggiare non solo nello spazio ma anche nel tempo, è decisa a giocarsi il tutto per tutto per distruggere ogni Getter. Perché i robot del Professor Saotome fanno tanta paura? Che significato hanno le visioni di Ryoma?

Storia: ♥♥♥♥♥

Disegni: ♥♥♥♥

Edizione: ♥♥♥

Voto complessivo: ♥♥♥♥ e 1/2

 


 

 

 

 

 

Titolo originale:ゲッターロボアーク Getter Robo Āḥ

Genere: mecha, fantascienza, azione

Tipologia: shōnen

Storia: Go Nagai e Ken Ishikawa

Disegni: Ken Ishikawa

Prima serializzazione: Super Robot Magazine, 2002

Casa editrice: Futabasha

Status: concluso

Disponibilità italiana: J-POP, 2 volumi

Ultimo capitolo della Gettersaga. 

Un nuovo team, un nuovo nemico, ma soprattutto un nuovo Getter Robot, mai così potente. Che i segreti dei raggi Getter stiano finalmente per essere svelati?

Storia: ♥♥♥♥♥

Disegni: ♥♥♥♥

Edizione: ♥♥♥

Voto complessivo: ♥♥♥♥ e 1/2

Per completezza, alle serie di Ken Ishikawa, possono essere aggiunte alcune opere realizzate dopo la morte del mangaka, come Getter Robot Hien (ゲッターロボ飛焔 Gettā Robo Hien)
del 2008, scritto e illustrato da Naoto Tsushima basandosi sulle note del maestro, o Apocrypha Getter Robo DASH (Gishō Gettā Robo DASH)
di Hideaki Nishikawa.

 

Gli anime

Getter Robot 
Titolo originale:ゲッターロボ (Gettā Robo)
Genere: fantascienza, robotico
Regia: Tomoharu Katsumata
Soggetto: Go Nagai, Ken Ishikawa
Sceneggiatura: Shun’ichi Yukimuro
Character Design: Kazuo Komatsubara
Mechanichal Design: Kazuo Komatsubara
Musiche: Shunsuke Kikuchi
Anno: 4 aprile 1974 – 8 maggio 1975
Studio: Toei Animation, Dynamic Planning
Formato: serie tv
Episodi: 51
Disponibilità italiana: Yamato Video

Giunto in Italia nel 1980 con il titolo di Space Robot con solo 39 dei 51 episodi realizzati, il primo Getter Robot è incentrato sulla lotta del Getter, costruito dal Professor Saotome sfruttando l’energia dei Raggi Getter, contro il Regno dei Dinosauri, rettili antropomorfi risvegliatisi dopo millenni di ibernazione.

 
Getter Robot G
Titolo originale: ゲッターロボG (Gettā Robo G)
Genere: mecha, fantascienza
Regia: Akinori Orai, Masamune Ochiai
Soggetto: Go Nagai, Ken Ishikawa
Sceneggiatura: Mitsuru Mashima, Shozo Uehara, Susumu Takaku, Tatsuo Tamura
Character Design: Kazuo Komatsubara
Mechanichal Design: Kazuo Komatsubara
Musiche: Shunsuke Kikuchi
Anno: 15 maggio 1975 – 25 marzo 1976
Studio: Toei Animation, Dynamic Planning
Formato: serie tv
Episodi: 39
Disponibilità italiana: Yamato video

Sequel di Getter Robot, presenta la nuova squadra Getter stavolta contro l’Impero degli Cento Oni. Perso il precedente robot nello scontro finale contro il Regno dei Dinosauri, ecco tre nuovi potenti assetti, Dragon, Ryger e Poseidon.


 

Getter Robot Go
Titolo originale: ゲッターロボ號 (Gettā Robo Gō)
Genere: fantascienza, mecha
Regia: Hiroki Shibata
Soggetto: Go Nagai, Ken Ishikawa
Character Design: Joerge Ooshima
Mechanichal Design: Tatsuo Yamada
Musiche: Michiaki Watanabe
Anno: 11 febbraio 1991 – 27 gennaio 1992
Studio: Toei Animation, Dynamic Planning
Formato: serie tv
Episodi: 50
Disponibilità italiana: inedito

Progettato dal Dr. Tachibana per l’esplorazione spaziale, il Getter Robot Go si troverà invece ad affrontare il Professor Lando e le sue Metal Beast.

 

Titolo originaleChange!! Shin Getter Robot – The Last Day (真(チェンジ!!)ゲッターロボ~世界最後の日 Shin(Chenji!!)Gettā robo~sekai saigo no hi)
Genere: Fantascienza, mecha
Regia: Yutaka Sato, Yasuhiro Geshi, Jun Kawagoe
Soggetto originale: Ken Ishikawa – Go Nagai
Sceneggiatura: Shinzo Fujita
Character Design: Kenji Hayama
Mecha Design: Kisei Yamada, Tatsuo Yamada
Musiche: Yasunori Iwasaki
Studio: Bandai Visual, Dynamic Planning
Anno di uscita: 1998
Episodi: 13
Disponibilità: Yamato Video

Un aspro scontro ha visto contrapposti la Terra con il suo Getter Robot e una misteriosa razza aliena mutaforma. Le ferite del passato sono ancora aperte quando una nuova minaccia comincia a profilarsi all’orizzonte, e stavolta il nemico potrebbe essere l’alleato di un tempo…

Shin Getter Robot vs Neo Getter Robot
Titolo originale: 真ゲッターロボ対ネオゲッターロボ (Shin Getter Robo tai Neo Getter Robo)
Genere: mecha, fantascienza
Regia: Jun Kawagoe
Soggetto: Go Nagai, Ken Ishikawa/div>
Sceneggiatura: Shinzo Fujita
Character Design: Fujio Suzuki
Mechanichal Design: Fujio Suzuki
Musiche: Kazuo Nobuta
Anno: 2000
Studio: Bandai Visual, Bee Media, Brain’s Base, Dentsu Inc., Dynamic Planning
Formato: OAV
Episodi: 4
Disponibilità italiana: Yamato Video

Un redivivo Impero dei Dinosauri torna all’attacco. Stavolta a fronteggiarlo il Neo Getter Robot, una nuova versione basata sull’energia al plasma, guidato da Go Ichimonji, Sho Tachibana e Gai Masamichi. Il vecchio team, però, non rimane certo in disparte e per lo stesso Shin Getter Robot arriva il momento di tornare sulla scena.


 

Getter Robot re:model

 

Titolo originale: 新・ゲッターロボ (Shin Gettā Robo)
Genere: fantascienza, mecha
Regia: Jun Kawagoe, Yasuhiro Geshi
Soggetto: Go Nagai, Ken Ishikawa
Sceneggiatura: Fujio Suzuki, Jun Kawagoe
Character Design: Fujio Suzuki
Mechanichal Design: Ryo Tanaka
Musiche: Kazuo Nobuta, Try Force
Anno: 2004
Studio: Dynamic Planning, Brains Base
Formato: serie tv
Episodi: 13
Disponibilità italiana: inedito

Sorta di remake più fedele alla versione manga nella caratterizzazione dei personaggi, Getter Robot re: model presenta lo Shin Getter Robot di Ryoma, Hayato e Benkei contro l’Impero dei Cento Oni. Ben presto, però, ci si discosta dall’originale per sfociare in un’altra opera di Ishikawa, Kyomu Senki

 

 

Annunci

Autore:

Appassionata di anime e manga da sempre, spettatrice e lettrice onnivora, con una non celata propensione per shonen, mecha e BL. Ho un debole per gli enigmi della Camera Chiusa e la Golden Age del romanzo poliziesco, libri da divorare in poltrona, avvolta da un plaid, e sorseggiando del tè.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...