Pubblicato in: manga

[Manga] Inazuman di Shotaro Ishinomori


Titolo originale:イナズマン
Genere: azione, fantascienza
Tipologia:Shōnen
Storia: Shotaro Ishinomori
Disegni: Shotaro Ishinomori
Prima serializzazione: Shōnen Sunday
Casa editrice: Shogakukan
Anno: 1973-1974
Status: completo
Volumi: 4
Disponibilità italiana: nessuna
Disponibilità inglese: digital only (Comixology)

Saburo Kazeta è uno scanzonato liceale, che senza troppi sforzi, eccelle negli studi e nello sport. Tra i suoi “passatempi”, i continui dispetti alla vicina ed amica di infanzia, Miyo.
Ma i giorni spensierati non durano per sempre, e per Saburo tutto cambia nel momento in cui entra in contatto con la Lega della Gioventù, guidata dal vecchio e saggio Sarha. L’uomo sta riunendo intorno a sé giovani dotati di poteri psionici, da far scendere in campo contro Banba e il suo Impero di Neoumani.
L’essere umano sta infatti progressivamente mutando, e sono sempre più i mutanti dotati di poteri paranormali, gli Psionici. Banba ha intenzione di eliminare gli esseri umani non mutanti, perché ritenuti inferiori, in modo da creare un mondo di soli Psionici. Sarha, invece, invita i giovani a sfruttare i loro poteri per il bene dell’intera umanità, senza discriminazioni. 

Saburo riesce a risvegliare i suoi poteri trasformandosi in Inazuman, una sorta di farfalla umanoide, che ha nella capacità di sprigionare energia sotto forma di lampi una delle sue armi principali. 
Se gravemente ferito, Saburo può inoltre rinchiudere se stesso in una crisalide umana, Sanagiman, per rigenerarsi.
Una lotta senza esclusione di colpi ha così inizio, ed in ballo c’è il destino dell’intera razza umana!


Il tema del “mutante” secondo Ishinomori, con tutti i corollari che ne conseguono: così potrebbe essere riassunto in breve il soggetto di Inazuman.
Come per Kamen Rider, tutto parte come serie tv: nel 1973, nel corso della produzione dell’omonimo tokusatsu Inazuman (イナズマン “Uomo Lampo”), l’ideatore, Shotaro Ishinomori, ne realizza anche una versione manga, pubblicata su Shōnen Sunday della Shogakukan



L’eroe protagonista, che nella serie tv è lo studente universitario Goro Watari, viene sostituito dal liceale Saburo Kazeta, personaggio che compare già in in Mutant Sabu del 1961, e poi in Shounen Doumei del 1962. 
Saburo è un ragazzo come tanti, un po’ sbruffoncello, improvvisamente calato in un mondo di cui ignorava completamente l’esistenza. Inizialmente titubante, decide poi di accettare la sfida, e di combattere secondo i propri principi, evitando di uccidere gli avversari, e cercando piuttosto di convincerli a cambiar fronte. 

Resiste al desiderio di vendetta, anche quando i toni si fanno più drammatici, con l’assassinio dei suoi genitori adottivi.
Se infatti nei primi volumi siamo comunque nel tipico territorio dello shōnen, con azione alternata a momenti in cui il tutto viene smorzato da siparietti comici (che quasi sempre coinvolgono il mostrare le grazie della povera Miyo), 


mano a mano che si procede con la storia procede, il tono si fa più cupo, perché aumenta la posta in gioco, e ci si avvicina sempre più allo scontro finale.
Non manca neanche una breve virata verso il genere horror, con l’episodio del lupo Mannaro.

Complessivamente, Inazuman è un’ottima lettura, con una sapiente miscela degli elementi tipici dello  shōnen e un’impostazione alla tokusatsu, che comunque non scade mai nella ripetitività del “mostro della settimana”. Il racconto è difatti molto ben coeso e organico. 


Forse potrebbe deludere, per quella che può sembrare una mancanza di originalità, chi è avvezzo al mondo dei Mutanti e tematiche correlate: Banba e Sarha possono sembrare una sorta di Magneto e Professor X, con il primo che vuole imporre il dominio dei Mutanti sugli esseri umani “meno evoluti”, e il secondo che punta invece sui giovani e su un’integrazione non violenta.

Personalmente credo sia importante considerare come Inazuman sia comunque un prodotto dei primi anni ’70, destinato ad un pubblico magari non ancora assuefatto al tema del mutante e della sua integrazione nella società.

Curiosità: l’universo di Inazuman si incontra con quello di Kikaider nel capitolo The Boy with the Guitar – Kikaider vs Inazuman, che nel 2003 ha anche goduto di un adattamento OVA.



Storia: ♥♥♥ e 1/2
Disegni: ♥♥♥♥
Edizione:♥♥♥ e 1/2
Voto complessivo: ♥♥♥ e 1/2
Annunci

Autore:

Appassionata di anime e manga da sempre, spettatrice e lettrice onnivora, con una non celata propensione per shonen, mecha e BL. Ho un debole per gli enigmi della Camera Chiusa e la Golden Age del romanzo poliziesco, libri da divorare in poltrona, avvolta da un plaid, e sorseggiando del tè.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...